Il 9 che uccide di Vito Franchini

Il 9 che uccide di Vito Franchini

Il 9 che uccide di Vito Franchini

A poco più di un anno di distanza, torno a parlare di Vito Franchini con il suo nuovo Thriller Il 9 che uccide, libro pubblicato sempre da Giunti Editore, disponibile in versione cartacea ed ebook.

La trama

Sono passati anni dallo scandalo che ha segnato la carriera di Sabina Mondello, dirigente di polizia, a Roma. Finalmente un nuovo incarico operativo, premiante, la porta a Verona, a capo della Squadra Mobile. Appena giunta in città Sabina si ritrova a gestire il decesso di uno studente universitario, il cui corpo viene rinvenuto all’interno della Facoltà di medicina.

Sul momento tutto lascia pensare a un suicidio, gesto disperato di un ragazzo troppo giovane: semplice routine per gli inquirenti. Tuttavia, una serie di coincidenze inquietanti con altre morti sospette ed enigmatiche frasi d’addio fanno emergere un dubbio dapprima latente, poi sempre più concreto: dietro ai 9 suicidi individuati da Sabina ci potrebbe essere la mano di un burattinaio, un sadico trascinatore, un Caronte che accompagna anime smarrite nell’aldilà.

Solo una mente altrettanto diabolica può trovare il bandolo di tale matassa intrisa di sangue: quella di Nardo Baggio, che dal nulla ricompare a Verona, alterando ogni equilibrio. Nardo è “Il predatore di anime”, colui che ha sconvolto la vita di Sabina anni fa; e che la metterà di nuovo a soqquadro, senza chiedere il permesso, senza sconti. I suoi approcci, i suoi metodi, sono discutibili, sempre al limite, ma nessun altro appare davvero in grado di dare una spiegazione all’unico indizio ricorrente, onnipresente, infestante. Il numero 9, che porterà i protagonisti di questo vortice investigativo indietro nel tempo, tra i figli dei fiori, le melodie immortali dei Beatles e una setta demoniaca che seminò morte e terrore a Los Angeles, nell’indimenticabile estate del 1969…


Vito Franchini torna in libreria con il suo secondo romanzo. Sabina e Nardo, i protagonisti di “Il predatore di anime” (clicca qui per la recensione), sono di nuovo al centro di un’indagine.

Due dettagli mi hanno colpito, segno che dovevo leggere questo romanzo prima o poi.

1 – Il luogo di ambientazione: Verona, città veneta, città che amo.

2 – Il nome del bambino di Sabina: Leonardo… il mio piccolino si chiama Leonardo Giuseppe.

Il primo romanzo non mi ha convinta del tutto, seppur l’argomento trattato è promettente. Il suo punto debole è Sabina, come anche in questo secondo romanzo.

Sabina cresce a livello lavorativo, dopo la maternità ottiene un nuovo incarico che sfocia in una serie di delitti irrisolti e concatenati tra loro. Sabina cresce professionalmente ed è sinceramente accattivante sul luogo di lavoro, ma personalmente parlando rimane debole. Si lascia sempre inesorabilmente sedurre dal “predatore di anime”. Manda letteralmente a frantumi quel barlume di normalità che si era creata con la sua neo famiglia.

Trovo intrigante il thriller che ha studiato l’autore, mettendo in pista sette e satanismo, musica e numerologia. Nonostante in alcuni punti l’abbia trovato inutilmente prolisso, ho letto piacevolmente e velocemente questo suo nuovo thriller. Mi auguro di rivedere Sabina coinvolta in una nuova indagine.

Se ti piace quello che leggo e vuoi scoprire se non leggo solo romance…

Mi trovi anche su Goodreads – clicca qui – dove aggiorno in tempo reale le mie letture.

Per leggere altre mie Book Review clicca qui

Chiara R.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.