Un marito quasi perfetto di Nicola Rayner

Un marito quasi perfetto di Nicola Rayner

Un marito quasi perfetto di Nicola Rayner

Presentato come il degno erede di “La ragazza del treno” (per leggere la mia review, clicca qui), il thriller psicologico dell’anno, oggi vi parlo di Un marito quasi perfetto di Nicola Rayner, edito da Newton Compton Editori, disponibile in versione cartacea ed ebook.

La trama

Alice non ha mai del tutto accettato che il marito sia stato un donnaiolo prima di sposarla. Ormai le sue avventure sono acqua passata, eppure lei non riesce a liberarsi di un’ossessione: vuole saperne di più sul passato di George.

Soprattutto su una donna in particolare: si tratta di una studentessa che George frequentava ai tempi dell’università e che scomparve misteriosamente prima di terminare l’ultimo anno: Ruth Walker.

Quando poi incontra per caso una donna che assomiglia a Ruth, comincia a nutrire l’inquietante sensazione che ci sia una verità diversa da quella che le ha raccontato George.

Ma scavare nel passato di suo marito potrebbe significare inoltrarsi in una fitta rete di bugie più pericolosa di quanto Alice avrebbe mai potuto immaginare.

____________________________________________________________

La scrittura di Nicola Rayner è fresca, intelligente e accattivante. Nel giro di pochi capitoli, riesce a catturare l’attenzione del lettore che si trova immerso in un thriller psicologico.

Tutto gira intorno alla presunta morte di Ruth, una giovane, bella, estroversa, solare studentessa universitaria dai capelli rossi. In parallelo, troviamo la storia di George e Dan, due studenti universitari figli di papà senza freni e pudori. George, Dan e Ruth sono uniti ma non come ci si potrebbe aspettare. Inizialmente tutto fa pensare che il colpevole della scomparsa di Ruth sia George e invece…

Alcol, droga, festini hard, stupri, amore gay, vergogna, paura, tradimento, questi sono i temi trattati in Un marito quasi perfetto di Nicola Rayner. Un thriller psicologico che lascia il lettore nel dubbio su due possibili finali tra aspettative e suspense.

Chiara R.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.